Giangiuseppe Bonardi

 

Quando la tecnologia musicale “aiuta” la relazione musicoterapica: riflessioni

Copyright: V Giornata della Tecnologia Musicale, All Rights Reserved 2024

download (1)
351126559_970647004355714_5654231613118693472_n.jpeg
andrea_gimma_tessera.jpeg
andrea_gimma_tessera.jpeg
andrea_gimma_tessera.jpeg
andrea_gimma_tessera
andrea_gimma_tessera.jpeg
andrea_gimma_tessera.jpeg
screenshot 2024-02-25 alle 09.23.11
image00005.jpeg
andrea_gimma_tessera.jpeg

CULTURA VISUALE E VISUAL DESIGN

MARCO CADIOLI (1960)

 

ELEONORA MANZO (1998)

EDOARDO MASSENZA MILANI (1997)

Biennio specialistico in Grafica e Comunicazione 

Accademia SantaGiulia

Docente di Net Art 

Accademia SantaGiulia

edoardomassenzamilani.jpeg

Docente di Net Art 

Accademia SantaGiulia

- IN THIS IMAGE THERE IS A CAT

- WATCHING THE SEA

- PROTO

- ABSTRACT TRIP2

UN FILM IN SCATOLA

 

Il video trailer è stato creato mediante l’animazione di illustrazioni accattivanti, che ricreano con fedeltà lo stile e l’ambientazione del gioco “Un film in Scatola”, un gioco che permette di fruire del film attraverso l'atto ludico. Le immagini, di grande impatto visivo, catturano l’attenzione dello spettatore, trasportandolo in un universo incantevole e coinvolgente. Ogni scenario è stato curato nei minimi dettagli per evocare emozioni intense, immergendo chi guarda nella suggestiva atmosfera del film La finestra sul cortile. Accompagnate da frasi emozionali, il trailer amplifica ulteriormente l’atmosfera coinvolgente del gioco, pensate per stimolare la curiosità e l’entusiasmo del pubblico, alimentando il desiderio di esplorare il mondo affascinante che si presenta di fronte. L’animazione trasmette in modo eloquente il messaggio che il gioco in scatola, ispirato al film “La finestra sul cortile”, offre un’esperienza avvincente e coinvolgente. Promette al giocatore l’opportunità di indagare e scoprire personalmente il mistero avvincente che avvolge la trama, invitandolo a immergersi in un’esperienza di gioco unica e intrigante.

I video presentati analizzano la visione delle intelligenze artificiali, esplorano l'estetica del glitch e la visione satellitare.

Laureato in Nuova Tecnologie Dell'Arte e Arti Visive Contemporanee. New Media Artist e creativo digitale. Attualmente Tutor d'aula presso l'Accademia di Belle Arti Santa Giulia nel corso di Net Art (NTA),Co-Fondatore del collettivo di Videomakers e creativi di Varius.Collective e VJ per differenti eventi culturali e privati di Brescia e d'intorni. Appassionato di culture digitali e movimenti underground, l'artista è molto legato al mondo delle tecnologie, della visione e rappresentazione digitale con una particolare attenzione al tema del suono e degli errori di sistema (Glitch). "I'm just a lost pixel" - Digital Flaneur.

- MACHINE LEARNING (2021)

durata: 1'58"

 

- AWAKENING.EXE (2020),

durata: 2'

 

“Machine Learning” è composto da un video ed una serie di scatti documentativi di una performance provata per la prima volta al MoonWalkStudio (BS). La performance vedeva un modello ed una videoproiezione relazionarsi tra loro in tempo reale, creando un momento contemplativo e allo stesso tempo di riflessione sul tema del rapporto uomo-macchina, reale-virtuale. 

“Awakening.exe” è una video installazione live interattiva al suono, proiettata su differenti supporti come parte di un progetto di ricerca sul rapporto tra opera e pubblico e tra arte e spazio urbano, in un momento in cui non si poteva più vivere la cultura nei suoi luoghi designati.
Una sfera geometrica realizzata tramite creative coding si muove e muta proiettata al ritmo di una traccia audio che è una manipolazione digitale di suoni registrati all'alba nel quartiere di origine dell'artista, in un rimando alle sperimentazioni rumoriste di Luigi Russolo.
 

ANDREA GIMMA (1999)

 

MARTINA OLDANI (1999)

 

EUGENIA BIANCHESSI (1999)

 

andrea_gimma_tessera
image00005.jpeg

Biennio specialistico in Grafica e Comunicazione 

Accademia SantaGiulia

TEMPORAL ODYSSEY

 

 

Temporal Odyssey è la proposta di una mostra virtuale composta da 4 sale in cui ci si immerge nel concetto di metatempo, a partire dal tempo fisico.

Nasce come graphic design artist e data la sua passione per l’arte unisce questi due aspetti in un connubio che dà vita a nuove forme interpretative. La sua arte è caratterizzata da personaggi che rimandano allo stile cartoon e pop moderno. 

Le sue creazioni si rifanno ad opere realizzate su tela e stampe fine art, entrambe caratterizzate da linee marcate e sinuose che valorizzano i contorni della figura.

Gimma è un artista a 360° e vuole portare il suo stile moderno agli occhi di tutti.

MOSTRE 

CARME, Brescia, mostra collettiva BETWEEN US 2024 

Museo Diocesano, Brescia, Et noli contristari, collettiva, 2023 •

Galleria A+B, Brescia, Rien Ne Va Plus, mostra collettiva, 2022 

Moonwalk Studio, Brescia, SPOTLIGHT, 2022 

Brescia, Galleria Massimo Minini e BA BelleArti di Brescia, 2021 

Temù (BS), mostra collettiva in collaborazione con la ProLoco di Temù, 2021 

Museo Collezione Paolo VI- Arte Contemporanea, Concesio (BS), 2021 

CARME, Brescia, mostra collettiva BETWEEN US: , 2021 

STUDI 

Laurea Magistrale in Arti Visive Contemporanee, conseguita nel 2023 presso l’Accademia di belle arti SantaGiulia di Brescia. Laurea triennale in pittura conseguita nel 2021 presso l’Accademia di belle arti SantaGiulia di Brescia

QUADRO A STAMPA

 

GimmaWorld common Pack 1 NFT collection ("(2024)

GimmaWorld è una collezione NFT creata appositamente come critica alle collezioni NFT. L'intento é quello di esternare il concetto di opera digitale e portarla nella realtà, agli occhi di tutti. Gli NFT (non fungeble token) sono opere pensate solo per il mondo digitale della blockchain. Io come artista ho deciso di fare un passo oltre alla sola digitalizzazione e trasportare l'opera dal mondo virtuale al mondo reale, così da avere l'opera in parallelo tra i due mondi. Nello specifico l'opera in questione comprende un gruppo di NFT, definiti con la terminologia "comune" perché raffiguranti vari oggetti ripetuti ma che nella composizione finale diventano unici. L'opera comprende 24 personaggi comuni dei 444, suddivisi in questo modo: 10 Ultra Rari, 100 Rari e 334 comuni.

SENZA FAR RUMORE (2020-2024)

 

 

Senza far rumore è un'opera composta da 19 cianotipie ed è una celebrazione dell'oggetto e della sua capacità di veicolare il concetto di silenzio. Rappresenta la potenza dell'inanimato, ciò che persiste e giace immutato. Le cose, a differenza degli esseri, hanno la qualità di resistere al tempo, di rallentarlo, non sono in balia del divenire e assistono allo sbrogliarsi dei fili del tempo, trama di un tessuto vecchio come il mondo stesso. 

ERNESTO TORTORELLA (1996)

 

foto.jpeg

Si diploma a pieni voti in Composizione con il M° Claudio Gabriele presso il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, attualmente frequenta il biennio di Composizione per Nuove Tecnologie presso il Conservatorio “Luca Marenzio” di Darfo-Brescia con il M° Francesco Maria Paradiso. Nel 2023 ha seguito presso l’IRCAM Centre Pompidou il corso di “Capteurs, interfaces et Machine Learning interactif pour la musique”. Dal 2014 collabora col regista Francesco Puccio scrivendo le musiche di scena per gli spettacoli del progetto teatrale “L’antico fa testo” sui temi del mondo classico andati in scena nel Velia Teatro Festival XXV Edizione - 2023, il Calatafimi Segesta Festival Dionisiache - 2016. Con lo stesso ha tenuto vari laboratori presso l’Università degli Studi di Padova scrivendo le musiche per: “Troiane” da Euripide (andata in scena anche presso il Centro Cultural la Nau dell’Università di Valencia), “Baccanti” da Euripide, “Andromaca” da Euripide, “Paedra” da Seneca.

MUSIC SQUARE. A VOICE FROM CHINA (2023)

durata: 18'

 

Il lavoro è un cortometraggio per voce e live electronics in cui il viaggio in treno di uno studente del Conservatorio di origine orientale, Ma Kecheng, diviene metafora del viaggio che lo ha portato a studiare in Italia. La sua testimonianza conduce l’ascoltatore attraverso le varie tappe di un cammino che, fra cultura e musica, unisce due continenti: l’Asia e l’Europa.

Studente presso il conservatorio Luca Marenzio, lavoratore presso uno studio di registrazione e produzione.